Eurochocolate Avellino chiude a quota 130.000 presenze

Guarducci: “La città ha dimostrato di saper giocare le proprie carte”

Si è tenuta questa mattina, presso il Palazzo di Città del Comune di Avellino, la conferenza stampa di chiusura della special edition di Eurochocolate che ha animato con successo il capoluogo irpino dal 9 al 18 Febbraio.

"Siate consapevoli, come lo siamo noi – ha dichiarato Eugenio Guarducci Presidente di Eurochocolate – di vivere in una città che, anche in questa occasione, ha dimostrato di saper giocare le proprie carte. Oggi la cosa più importante da comunicare non è se Eurochocolate rimarrà o meno ad Avellino, cosa che avremo certamente modo di approfondire valutando con la dovuta calma questa esperienza. Oggi ciò che è importante affermare è di aver di nuovo dimostrato la capacità attrattiva di Avellino. Il merito non è nostro o del cioccolato, ma di tutti coloro che in questi anni hanno creduto in uno sviluppo della città che tiene in considerazione anche la necessità di coprire le cosiddette "buche immateriali", spesso dimenticate da chi amministra un territorio".

È questa la riflessione che gli organizzatori di Eurochocolate hanno condiviso con la stampa locale nel corso della conferenza che si è svolta alla presenza del Sindaco di Avellino Gianluca Festa.

Sono stati dieci giorni davvero intensi, con l’alternarsi di momenti ben diversi tra loro che hanno costretto anche a prendere scelte coraggiose e non semplici. Una su tutte, il prolungamento dell’evento che ha comportato uno sforzo importante e non scontato da parte di tantissimi soggetti.

Prosegui la lettura